Massimo Campigli e gli etruschi in dialogo a Venezia

Fausto Politino, Artribune, June 12, 2021

IN MOSTRA A PALAZZO FRANCHETTI IL MONDO DEGLI ETRUSCHI E QUELLO DI MASSIMO CAMPIGLI. UN INTIMO E PROFONDO DIALOGO FRA LE DONNE-CLESSIDRA E LE DONNE-ANFORA DELL'ARTISTA, MISTERIOSE E IMPASSIBILI, CON I REPERTI ETRUSCHI CHE GLI SUSCITANO UNA PAGANA FELICITÀ.

Massimo Campigli e gli Etruschi. Una pagana felicità. Exhibition view at ACP Palazzo Franchetti, Venezia 2021. Photo Francesco Allegretto.

 

Nella mostra allestita a Venezia negli spazi di Palazzo Franchetti (la cui gestione è affidata ad ACP - Art Capital Partners, società legata a doppio filo con la Galleria d'Arte Maggiore di Bologna), i curatori Franco e Alessia Calarota sottolineano il profondo dialogo fra trentacinque opere di Massimo Campigli (Firenze, 1895 ‒ Saint-Tropez, 1971) con una cinquantina di reperti risalenti al periodo etrusco, con cui l'artista condivide atmosfere, segni, colori, emozioni. Le composizioni, dall'impostazione chiaramente arcaica, spaziano dal 1928 al 1966.
Molte delle testimonianze della civiltà etrusca sono inedite ed esposte qui per la prima volta, frutto di sequestri e restituzioni. Sono forme che rappresentano statue votive. Figure femminili con busti/clessidra immerse nella dimensione atemporale dell'astrazione. Ispirandosi a tali profili espressivi, Campigli ottiene quella particolare pittura, quel taglio compositivo originalissimo dove il tempo perde spessore. Ed è come vivere in una quiete impassibile, dove lo spazio è invaso dalle donne anfora.

 

LE DONNE-ANFORA DI CAMPIGLI

Gli esegeti di Campigli si sono spesso soffermati sulla sua attenzione per la donna, così decisiva per il suo universo creativo. Senza mai considerarla, a parte pochissime eccezioni, oggetto sessuale. Da notare le eleganti strategie compositive che Campigli utilizza, all'interno delle quali i segni impiegati veicolano sottotesti con più significati: la collana come gioiello e come catena, il diabolo come cordicella e come legame, la ringhiera come abbellimento e come inferriata. La mostra si sofferma sul rapporto dell'artista con l'altra metà del cielo, con le donne che diventano clessidre, eleganti nei loro gioielli. Figure femminili rese mediante schemi geometrizzanti che si differenziano nelle cromie e nelle gestualità, assumendo aspetti vagamente irreali. Tutte visioni che scatenano in Campigli una pagana felicità, come la descrive, dopo aver visitato nel 1928 il Museo Etrusco di Villa Giulia: "Nei miei quadri entrò una pagana felicità tanto nello spirito dei soggetti che nello spirito del lavoro che si fece più libero e lirico".

Massimo Campigli, Donne velate, 1943, olio su tela, 66×48 cm. Collezione privata, Bologna

 

LA STORIA DI MASSIMO CAMPIGLI

Liricità e libertà narrativa sicuramente rintracciabili nella prima sala di Palazzo Franchetti, dove sono esposti due manufatti: un sarcofago e il quadro gli Zingari del 1928. In primo piano una donna con la schiena nuda e un'anfora sotto il braccio sinistro appoggiata sul fianco, avvolta in una lunga gonna, guarda, forse, il cavaliere. In attesa. Ma lui, distante e nudo, rimane sul cavallo. Inattivo, guarda solo la luna.
Sullo sfondo frammenti dell'acquedotto romano, sofisticate costruzioni ingegneristiche che testimoniano i profondi legami di Campigli con la storia. A partire dalla sua, da quando viene assunto al Corriere della Sera e inviato come corrispondente a Parigi. Pittore di giorno, giornalista di notte. Vive a Montparnasse e sono frequenti le incursioni al Café Dôme. Insieme a de Chirico, Mario Tozzi, Gino Severini, De Pisis, Renato Paresce e Alberto Savinio forma il gruppo de "I sette di Parigi".  Come se volesse legittimarsi e trovare la propria identità.